E-mobility info Guidare elettrico
Figura 1- iStock.com/Ridofranz
LO SVILUPPO DELLA MOBILITÀ ELETTRICA RENDE LE CITTÀ INTELLIGENTI - PARTE 1

Negli ultimi anni il settore della mobilità elettrica è cresciuto rapidamente e in maniera sostanziale, trasformandosi da materia di nicchia a fondamentale realtà tecnologica e commerciale, assumendo un ruolo chiave nella trasformazione delle smart city.

Gli importanti investimenti sulla macchina intelligente ed elettrica da parte dei maggiori colossi americani quali Google e Apple hanno addirittura portato Newsweek a dedicare un intero articolo e la prima pagina dello stesso settimanale con l’eloquente titolo “Silicon Valley is going to Detroit”. Questo significa che nel prossimo decennio si aprirà uno scenario nuovo che impatterà notevolmente sulla vita dei cittadini e sui territori.

Il modello che si andrà ad attestare sarà molto probabilmente il modello Tesla e cioè macchine-computer con processori molto performanti la cui sensoristica sarà in grado di attivare percorsi di guida autonoma e fornire al contempo informazioni sullo stato del traffico, monitorare il territorio e misurare l’inquinamento e tutte le altre componenti ambientali che oggi vengono rilevate con stazioni fisse.

Insomma, una rivoluzione ambientale e tecnologica, con un Grande Fratello che salirà in macchina con noi e con importanti ricadute sul mondo dell’industria automobilistica. La parte rilevante non sarà più il motore ma la batteria e il suo computer. E ancora, se il modello che si attesterà sarà quello Tesla, assisteremo ad un incremento della autoproduzione di energia verde da fotovoltaico.

L’ascesa di tale forma di mobilità sostenibile è associabile nei contesti urbani, sia alla sua idoneità a soddisfare le esigenze degli utenti, che alle richieste di riduzione delle emissioni di gas inquinanti e di inquinamento acustico, con il conseguente sviluppo da parte delle case automobilistiche di motorizzazioni a minore emissione inquinante. Secondo l’ultimo rapporto dell’Acea (Associazione dei Costruttori Europei), nei primi tre mesi del 2016 le immatricolazioni delle cosiddette auto “ecologiche” sono salite del 6,4 per cento, trainate proprio dalle “elettriche”.

Le preoccupazioni ambientali hanno indotto i policy makers nazionali ed europei ad attivarsi per creare un contesto normativo ed economico (misure di sostegno) in grado di supportare la crescita e lo sviluppo del settore, con una particolare attenzione alla infrastruttura di ricarica, elemento fondamentale per uno sviluppo massivo di tale tipologia di veicoli. È dunque questo lo scenario in cui si inseriscono le linee di indirizzo europeo, che impongono a ciascuno stato membro, di soddisfare entro il 2020 con fonti rinnovabili il 10% dei consumi nel settore della mobilita e di sviluppare infrastrutture di ricarica per l’uso dei combustibili alternativi (Direttiva 2009/28/CE).

A livello nazionale, il recepimento delle Direttive Europee, avvenuto con la pubblicazione di strumenti legislativi appositi, volti a favorire lo sviluppo della mobilita mediante veicoli a basse emissioni (Legge 7 agosto 2012, n.134), unitamente alla definizione da parte del Ministero delle Infrastrutture e Trasporti del “Piano nazionale infrastrutturale per la ricarica dei veicoli alimentati ad energia elettrica (PNIRE)”, costituiscono il contesto normativo di riferimento per la realizzazione dell’infrastrutturazione di ricarica per veicoli elettrici. 

LEGGI LA PARTE 2 

Pietro Farinati

Form
SEI INTERESSATO ALLE SOLUZIONI JOINON?
Compila il form per ricevere informazioni o prenotare una visita di un nostro responsabile tecnico-commerciale.
Form
esprimo il consenso al trattamento dei miei dati da parte di Gewiss S.p.A. per le finalità di marketing sopra indicate: invio di comunicazioni commerciali/promozionali, tramite modalità automatizzate di contatto (come e-mail, sms o mms) e tradizionali (come telefonate con operatore e posta tradizionale) sui propri prodotti e servizi, segnalazione di eventi aziendali, rilevazione del grado di soddisfazione della clientela, nonché realizzazione di indagini di mercato ed analisi statistiche
esprimo il consenso al trattamento dei miei dati per finalità di profilazione: analisi delle mie preferenze, abitudini, comportamenti o interessi al fine di ricevere comunicazioni commerciali personalizzate.
esprimo il consenso al trattamento dei miei dati per finalità di marketing di terzi (comunicazione/cessione dei miei dati a soggetti terzi per finalità commerciali e di marketing di questi ultimi)
esprimo il consenso al trattamento dei miei dati per la comunicazione/cessione dei miei dati a soggetti terzi per finalità di profilazione al fine di inviarle comunicazioni commerciali personalizzate in base alle sue preferenze e interessi in relazione ai prodotti e servizi utilizzati

*CAMPI OBBLIGATORI